IBAN del Libretto postale: cosa c’è da sapere

IBAN del Libretto postale: cosa c’è da sapere

IBAN del Libretto postale: cosa c’è da sapere

Spread the love

In questo articolo spiegheremo come abilitare ed infine utilizzare l’IBAN del Libretto postale.

Prima di procedere, rivediamo brevemente l’offerta di libretti postali messa in campo da Cassa depositi e prestiti e collocata da Poste Italiane.

Ad oggi Poste Italiane colloca 3 principali forme di libretto postale: il libretto Ordinario, il libretto Smart e il libretto dedicato ai minori d’età.

Andrebbero menzionati anche i libretti Giudiziari ma sono una forma di libretto particolare, che possiamo tralasciare di trattare in questo articolo.

Il libretto dedicato ai minori d’età, come si evince dal nome, può essere intestato solo ad un minorenne come intestatario unico (cfr. Foglio Informativo).

Il libretto Smart e il libretto Ordinario sono le due alternative a disposizione del pubblico retail (con “pubblico retail” si intende l’insieme delle persone fisiche, contrapposto all’insieme delle persone giuridiche, cioè le aziende, le partite IVA etc) maggiorenne. Il libretto Ordinario può essere sottoscritto anche dalle persone giuridiche.

Il libretto Smart consente di poter operare online e di poter vincolare ad un tasso vantaggioso i propri risparmi aderendo all’Offerta Supersmart.

Il Libretto Ordinario è una forma di risparmio più classica, con un tasso di rendimento fisso (benché ora prossimo allo zero).

Entrambe le forme di risparmio consentono di poter monitorare online il proprio patrimonio, entrambi sono disponibili in formato cartaceo o dematerializzato e sono muniti di Carta Libretto.

Se vuoi conoscere in dettaglio le caratteristiche dell’offerta in Buoni postali e Libretti postali puoi dare un’occhiata a questi articoli:

  1. Buoni fruttiferi postali: gamma in collocamento, caratteristiche e rendimenti
  2. 1’000 domande e 1’000 risposte sui Buoni postali
  3. Ti presentiamo PdR risparmiosemplice: il nuovo Piano di Risparmio in Buoni postali

 

Ora che abbiamo rivisto le caratteristiche salienti dei libretti postali siamo pronti per approfondire e comprendere come utilizzare correttamente l’IBAN del libretto postale.

A cosa serve lIBAN del libretto

Libretto Ordinario e Smart sono muniti di IBAN ma perché l’IBAN del libretto sia utilizzato a dovere occorre prestare qualche attenzione.

L’IBAN del libretto assolve a due scopi principali:

  • Disporre l’accredito della pensione sul proprio libretto
  • Consentire l’alimentazione tramite bonifico il proprio libretto

Che sia possibile accreditare la propria pensione sul libretto (Ordinario o Smart) è cosa ben nota. Meno conosciuta è la possibilità di alimentare il proprio libretto inviando bonifici all’IBAN del proprio libretto. Ma vediamo più nel dettaglio questi due utilizzi dell’IBAN del Libretto.

Accreditare la propria pensione sul libretto

Per poter cominciare a ricevere la pensione sul proprio libretto ci si può recare all’INPS e comunicare all’ente l’IBAN del libretto o procedere alla richiesta direttamente presso l’Ufficio Postale di radicamento del Libretto. Una volta disposto l’accredito della pensione, la riceverai direttamente sul tuo libretto e potrai decidere di andare a ritirarla in ufficio postale, presso un ATM Postamat. Ricordati che il Libretto Ordinario e Smart offrono una copertura assicurativa contro il furto e la rapina fino d un massimo annuo di 700,00 € ai possessori di carta Libretto che abbiano disposto l’accredito della pensione sul Libretto.

Inviare bonifici sul proprio libretto postale

Benché siano in pochi a saperlo, sono ormai diversi anni che il Libretto Smart è alimentabile tramite bonifico bancario da un conto corrente bancario che abbia almeno un intestatario in comune con gli intestatari del Libretto Smart.

La novità è che dall’11 dicembre del 2017, anche i Libretti Ordinari sono alimentabili tramite bonifico.

ATTENZIONE: prima di inviare bonifici al proprio libretto postale ricordati di collegare prima il conto corrente bancario al libretto altrimenti le somme inviate all’IBAN del libretto torneranno indietro.

Se sei in possesso di un Libretto Ordinario, per poter collegare l’IBAN del tuo conto bancario all’IBAN del libretto dovrai recarti in ufficio postale e chiederne l’associazione. Ricordati che è possibile associare fino a 10 IBAN bancari contemporaneamente sullo stesso libretto.

Se sei in possesso di un libretto Smart con funzioni dispositive, potrai associare il tuo conto bancario al tuo libretto direttamente online dalla tua Area Riservata. Anche qui valgono le medesime restrizioni presenti sul libretto Ordinario sul numero massimo di c/c bancari associabili contemporaneamente.

Speriamo tu abbia le idee un po’ più chiare sulle possibilità offerte dall’IBAN del libretto.

Se vuoi scoprire la gamma di Buoni o Libretti postali in collocamento puoi guardare in questo articolo.

leave a comment

Create Account



Log In Your Account